Trasformare la salute cardiaca

dog looking at the camera and a cat

Il cuore batte più di un miliardo di volte durante la vita di un cane o di un gatto.1, 2 

Con un carico di lavoro continuo, un cuore sano ha un metabolismo energetico a riposo più elevato rispetto a qualsiasi altro organo del corpo. Per mantenere il cuore in funzione, battito dopo battito, sono necessari molti nutrienti per supportare le migliaia di mitocondri che producono ATP all'interno di ciascun miocardiocita.3, 4   

Il ruolo della nutrizione nella salute cardiaca viene tuttavia spesso trascurato.

Le ricerche svolte da Purina dimostrano che un mix specifico di nutrienti è in grado di migliorare le misurazioni cardiache essenziali e rallentare la progressione della cardiopatia nei cani con degenerazione mixomatosa della valvola mitrale (MMVD) allo stadio iniziale.5  

Se l'intervento sulla dieta può rallentare la progressione della MMVD allo stadio iniziale nei cani, cos'altro potrebbe fare la nutrizione per la salute del cuore?

Esploriamo i fattori che trasformano la salute del cuore:

Ulteriori informazioni

  1. Abbott, J. A. (2005). Heart rate and heart rate variability of healthy cats in home and hospital environments. Journal of Feline Medicine and Surgery7(3), 195–202.
  2. Haskins, S., Pascoe, P.J., Ilkiw, J.E., Fudge, J., Hopper, K., & Aldrich, J. (2005). Reference cardiopulmonary values in normal dogs. Comparative Medicine, 55(2), 156–161.
  3. Fernández-Vizarra, E., Enríquez, J.A., Pérez-Martos, A., Montoya, J., & Fernández-Silva, P. (2011). Tissue-specific differences in mitochondrial activity and biogenesis. Mitochondrion, 11(1), 207–213.
  4. Veltri, K.L., Espiritu, M., & Singh, G. (1990). Distinct genomic copy number in mitochondria of different mammalian organs. Journal of Cell Physiology, 143(1), 160–164.
  5. Li, Q., Heaney, A., Langenfeld-McCoy, N., Boler, B. V., & Laflamme, D. P. (2019). Dietary intervention reduces left atrial enlargement in dogs with early preclinical myxomatous mitral valve disease: a blinded randomized controlled study in 36 dogs. BMC Veterinary Research15(1), 425.

Vuoi saperne di più? Dai un'occhiata a questi riferimenti: